Le attività  

Formazione
del LIAST

 

Scopi dell'Archeologia Sperimentale

 

Didattica

  Protocolli
di ricerca
  Pubblicazioni
  Collaborazioni
  Come contattarci
 
home
  Omaggio a Silvano Borrelli
 
 
Collaborazione museale

Da decenni il LIAST ha avuto modo di collaborare con alcuni Musei, Servizi Museali e Archeologi dai quali ha ricevuto richieste per la ricostruzione di manufatti, in modo particolare per la didattica, ma anche per ricreare ambientazioni o supporto per visite tematiche.
Di seguito vengono elencate alcune delle riproduzioni realizzate dal LIAST negli ultimi anni che coprono un periodo che va dal Neolitico al Periodo Romano. 

Telaio per tessitura verticale.
Il telaio verticale era in uso nell’Antico Egitto almeno dalla XVIII dinastia, utilizzo testimoniato dalla pittura parietale. Per quanto riguarda il nostro territorio si può supporre l’attività della tessitura nella cultura della Lagozza dai rinvenimenti di pesi da telaio in terracotta.

Telaio a cintura.
Forse la forma più primitiva di telaio. Il suo utilizzo è molto pratico: una estremità viene fissata ad un sostegno, mentre l’altra viene legata alla vita dell’operatore.

Pintadere.
Riproduzioni in terracotta di pintadere dell’epoca greca. A forma di rullo o timbro servivano per decorare ma sul loro uso specifico ci sono molte ipotesi. I ritrovamenti archeologici hanno restituito pintadere già dal Neolitico.

Groma.
Ricostruzione di una Groma romana con base reggente. La groma è lo strumento principale usato dagli agrimensori romani per tracciare sul terreno dei riferimenti tra loro perpendicolari. Si usava per delimitare grandi spazi (nuove città, quartieri, strade, ecc.) e per dividere il territorio in aree regolari per calcolarne le superfici. Era costituita da un paletto verticale, terminato inferiormente da un puntale di ferro per conficcarsi nel terreno; alla sommità portava un braccio di sostegno per due assicelle disposte a croce, dalle cui estremità pendevano dei fili a piombo, che servivano da collimatori.

Ciotole.
Ciotole in terracotta realizzate per una visita tematica al museo egizio per una visita tematica riguardante l'alimentazione. Modellate manualmente senza l’uso del tornio; sono state invetriate internamente e sul bordo esterno per ragioni di igiene per poter essere utilizzate dai visitatori della mostra

Punzone tipo “planta pedis”.
Riproduzione di un punzone romano utilizzato per eseguire bolli sulla produzione ceramica. Fusione in piombo.

modellino di telaio verticale telaio a cintura telaio a cintura (particolare)
   
fusaiola con filato fusaiola, punteruolo, aghi fusaiole neolitico, bronzo e ferro e navetta
   
pintadere groma ascia in pietra
   
ciotole dopo la cottura punzoni per ceramica